Privacy Policy Cookie Policy
Accademia on line di Surface Pattern Design in Italiano!

Quanto grande dovrebbe essere la mia immagine per stamparla?

Il Centro assistenza di Spoonflower diffonde per tutti i designer le specifiche di grandezza immagine, che vi fornisco qui tradotte.
Sono valide anche per altri Player di mercato che offrono stampe per stoffe nel web e nel mondo "fisico".

Nel mondo della stampa digitale, si parla principalmente di risoluzione ossia il parametro che indica il grado di nitidezza o chiarezza di un'immagine.

 

Infatti, la dimensioni in pollici o centimetri è una dimensione fisica legata al mondo cartaceo, invece quando ci si riferisce alle dimensioni di una immagine immateriale - su file a video o da scanner - occorre parlare di risoluzione.

La risoluzione è espressa in punti per pollice:

in inglese "dot" (punti) per "inch",  da cui la sigla dpi.

Ricordo che il pollice è indicato correntemente come doppio apice ".

Per punti si intende punti rilasciati da una stampante su un supporto o punti dello schermo di computer o altro device che vanno a "risolvere" l'immagine, ossia a rappresentarla.

Come le tessere di un mosaico, le immagini sono rappresentate su documenti elettronici con una serie di punti, senza dimensione, detti pixel o punti o dot. Proprio come nel mosaico, più tessere "dot" si inseriscono in una formella e maggiore sarà la possibilità di ottenere sfumature e dettagli.
Spoonflower produce una stampa di ottima qualità e brillantezza alla risoluzione minima dell'immagine elettronica di 150 dpi.
Che significa? Significa che un buon file o documento elettronico con dentro la tua immagine, deve essere rappresentato come minimo di 150 punti per pollice per poter essere ricreato nitido e brillante come lo desideri.

La risoluzione in pixel per pollice (ppi) indica il livello di dettaglio di un’immagine bitmap ossia elettronica per web, quindi dettagliata.
La dimensione del file di immagine è la quantità di informazione (byte) nel file immagine, espressa in kilobyte (KB), megabyte (MB) o gigabyte (GB). Ecco: finalmente sapete maneggiare meglio queste sigle!
La dimensione è proporzionale alle dimensioni in pixel dell’immagine.
Le immagini con un numero maggiore di pixel richiedono più spazio su disco e risultano più lente da elaborare e stampare. Per questo richiedono macchine di elaborazione abbastanza potenti.
La risoluzione dell’immagine va scelta mediando tra la qualità (quantità di dati desiderati) e la dimensione del file.   

Per Spoonflower inizialmente, per chi non è pratico, vedere scritti 150 DPI ed assistere a monitor ad una immagine nitidissima è ok:
infatti la riproduzione a schermo in particolare dello swatch è fedelissima a come verrà il soggetto stampato in termini di risoluzione. Quindi guardate lo swatch a 150 dpi, e se vi occorre mettetevi sul fat quarter oppure sulla  yarda.

A questo proposito, la risoluzione del tuo monitor è indicata in termini di dimensioni dei pixel. Sui monitor può essre modificata da utente. Consiglio di verificare i settaggi nelle istruzioni dei tuoi dispositivi preferiti.

La risoluzione della stampante corrisponde al numero di punti di inchiostro per pollice (dpi).
Con Photoshop potete visionare sullo schermo le dimensioni di stampa, con l'apposito comando.

Fai sempre attenzione nei passaggi da software, o da scanner a immagine a come stai Ricampionando l'immagine. Infatti, ricampionare vuol dire semplicemente
modificare la quantità di dati di un’immagine modificando la risoluzione dell’immagine e quindi il numero di pixel.

Se ti danno un'immagine più leggera, che pesa meno, ti hanno ricampionata l'originale verso il basso riducendo il numero di pixel. Si chiama downsampling: aiuta ad alleggerire il file ma elimina delle informazioni dall’immagine.
Il ricampionamento verso l’alto (aumento del numero di pixel), o upsampling, aggiunge nuovi pixel e spesso è irrealizzabile se non con alcuni programmi specialistici e comunque senza garanzia di risultati ottimali o professionali.
Quindi se avete una tipografia che vi gestisce le immagini, ad esempio, e ve le scansiona, cercate di capire con lo specialista come verrà l'immagine stampata in 150 dpi, int ermini di dimensione e qualità, in modo da gestire bene il file senza rimpianti.

Riepilogando: quando crei il tuo disegno su documento elettronico, avrai bisogno di almeno 150 pixel per ogni pollice della dimensione di stampa finale: 150 dot per inch oppure 150 pixel per inch (ppi).

Questa impostazione è effettuata in generale all'inizio, in fase di apertura del file e viene riconfermata alla fine in caso di esportazione del file come immagine.
Se disegni con uno strumento software, ti verrà domandato di esportare il file in un formato più leggero e gestibile.
Se disegni su carta, dovrai scansire la tua immagine al corretto livello di dettaglio per creare un file da sottoporre a Spoonflower.
Se fotografi e vuoi stampare le tue immagini su carta da parati o stoffa, occorrerà dotarti di una fotocamera adatta ad ottenera la risoluzione richiesta (molto comuni!)
secondo i pixel che il fornitore della macchina ti segnala.

Ad esempio, se desideri che un'immagine venga stampata a 4 " per 4", ossia circa 10 cm, preparare il file (esportare) o aquisisci l'immagine a 600 x 600 pixel.

Perchè? La ragione deriva da questa semplice relazione: per ottenere 150 pixel per pollice, infatti in un'immagine di 10cm, mi occorre una scansione a 600 pixel

                                     150 pixel/pollice = 600 pixel / 4 pollici

Puoi utilizzare questa formula per ridimensionare qualsiasi immagine:
basta moltiplicare la larghezza e l'altezza di stampa in pollici per 150 pixel.
Se volessi un fiore alto 1,5 pollici su uno swatch?
Occorre un file, alto quanto?

                      Il tuo file va progettato alto: 150 dpi x 1,5 inch ossia di 225 pixel H.

Cosa succede se il mio design ha un DPI superiore a 150?
Quando carichi la tua immagine, Spoonflower ti fornisce una anteprima assai realistica di cosa "vede" a 150 dpi e di cosa stamperà.

Ciò significa che se carichi un file che è stato preparato o scansionato a 300 pixel per pollice, nell'anteprima apparirà il doppio delle dimensioni.

 

È possibile modificare facilmente la dimensione di stampa dell'immagine facendo clic su cambia dpi change dpi o utilizzando il pulsante più piccolo smaller.

Puoi sempre utilizzare i righelli orizzontale e verticale come guida per le dimensioni di stampa.

Quali impostazioni devo usare per le fotografie digitali e le immagini acquisite?


Se stai iniziando con una fotografia o una scansione digitale, ti consigliamo di catturare la tua immagine utilizzando un'impostazione di alta qualità.
Ciò ti consentirà di ridimensionare l'immagine senza compromettere la qualità dell'immagine. Infatti ingrandendo si perde sempre qualità e definizione.
Ricordi l'esempio del mosaico? Più ti avvicini e più si perde l'effetto unione delle tessere.
Stessa cosa qui: più ingrandisci un'immagine fissa e più perdi in risoluzione e ottieni figure molto sgranate o pixelate.

Ma c'è di più.

Fotografie digitali

Come regola generale, è possibile utilizzare una fotocamera da 3 megapixel
per catturare un'immagine che riempie piacevolmente un campione di 8 " x 8".
Una fotocamera da 10 megapixel acquisirà un'immagine per riempire un fat quarter da 18 " x 21" o 18" x 27", a seconda della stoffa.

Una yarda completa richiede 40 megapixel, che a questo punto è disponibile solo in fotocamere professionali di fascia alta.

Opere d'arte digitalizzate

E' fantastico scansionare quadri, disegni e soggetti singoli per ottenerne soggetti "piazzati" su stoffa.
In questo caso occorre acquisire il pezzo singolo.

Non si parla più necessariamente di pattern a meno che non si voglia lo stesso soggetto più volte su un materiale di carta o tessuto.

In genere, gli scanner (piani possibilmente) hanno una gamma di risoluzioni di scansione che iniziano a 150 dpi e si innalzano a 300, 600, 1200 e 2400.
Come regola generale, un foglio di carta standard in orizzontale A4 (11 " x 8,5") è stato scansionato a 300 dpi riempiranno un Fat quarter.
Lo stesso foglio scansionato a 600 dpi riempirà una Yarda.


Segui il corso gratuito per inserire nel tuo flusso di lavoro queste informazioni.
Inoltre, è disponibile l'accesso annuale al corso Da Zero a Pattern per esercitarsi in modo più approfondito e con l'ausilio di video in italiano su questi argomenti.

 

Close

50% Complete

Two Step

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua.